Il romanzo “La coperta di Dio”, dal 6 febbraio 2020 in libreria

Cosa c’entra la marcia nel deserto d’Israele di due uomini disillusi dopo la morte di Cristo, con il ritrovamento, duemila anni dopo, di nove scheletri?

Copertina del libro

La coperta di Dio, in libreria dal 23 gennaio

E come sono legate le ricerche di un fisico nel 1944 alla vita scialba di un maresciallo Forestale all’inizio degli anni Settanta?

Nella Trieste nazista, Dante Acquaderni, ricercatore di Fisica, riesce a invertire l’equazione di Einstein, ricavando materia da energia, ma una parte di questa non si riconverte in materia e pare sparire. Per capire cosa accada, ci si sposta, nel 1972, a Sermello, sull’Appennino, dove vengono ritrovati 9 scheletri con la stessa microstruttura ossea. In paese appare poi Mario, giovane in possesso di un diario del 1945, in cui un soldato scrive di avere visto un uomo fermare il tempo con 2 anelli, nel monastero del paese. Il ragazzo trova sulla sua strada Enrico, Forestale ordinario e rassegnato, che scoprirà un legame drammatico con quei manufatti. I due si mettono alla ricerca degli anelli, in un’indagine attraverso tempo e spazio, che li porterà sulle tracce di Acquaderni, la cui memoria cela il segreto del tempo sospeso. Il giovane e il forestale comprenderanno che la natura degli anelli non riguarda solo l’ardimento umano, ma è la conferma di un patto dimenticato fra Dio e uomo.

“La coperta di Dio”, è il mio primo romanzo, scritto assieme all’amico Pier Paolo Benassi ed edito da BiBi Book. In libreria, distribuito da Messaggerie, dal 6 febbraio 2020.

 

GUARDA I BOOK TRAILER

Alla chiesa del Monticello

 

 

Quegli scheletri così identici